La tigre Obelix finisce sotto i ferri: operata con successo all’Università
Obelix, la tigre operata presso l’ospedale veterinario di Lodi

La tigre Obelix finisce sotto i ferri: operata con successo all’università

L’intervento all’ospedale veterinario di Lodi sul felino di 200 chili proveniente da un parco faunistico lombardo

A vederla così, morbidamente adagiata sul lettino della sala operatoria, sembra quasi un peluche. Invece è una tigre in carne e ossa, ma è meglio specificare subito che non si tratta di Shere Khan (citazione per i fan del “Libro della giungla”). Il suo nome è Obelix e per farsi curare ha dovuto raggiungere l’ospedale veterinario di Lodi, dove è rimasta per un giorno. L’intervento è stato eseguito giovedì dall’équipe del direttore sanitario Damiano Stefanello, con il prezioso aiuto dell’anestesista Giuliano Ravasio.

«La tigre aveva un tumore cutaneo benigno, che andava rimosso perché iniziava a ulcerarsi», spiega Stefanello. L’intervento chirurgico è durato 50 minuti e ha avuto successo.

Obelix ha dodici anni e pesa la bellezza di duecento chili. È arrivata da un parco faunistico della Lombardia. I medici hanno dovuto fare molta attenzione nel gestire la tigre, viste le sue dimensioni, inoltre durante l’anestesia ne hanno approfittato per eseguire le analisi del sangue. Per chi lavora nel polo universitario, al di là della tangenziale, l’arrivo di Obelix ha rappresentato un evento decisamente eccezionale.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola sabato 24

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.