Anziani truffati da una banda di “attori”: 14 casi scoperti, otto persone denunciate
Il materiale sequestrato ai truffatori

Anziani truffati da una banda di “attori”: 14 casi scoperti, otto persone denunciate

Individuata dalla squadra mobile della questura un’associazione a delinquere

Lodi

Come veri attori facevano credere alle loro vittime delle storie assurde e le convincevano a sborsare fino a 2mila euro. Sono quattordici le truffe scoperte dalla squadra mobile della questura di Lodi e attribuite a una banda di italiani, ma si tratta solo della punta dell’iceberg perché molti di loro non facevano altro nella vita da anni e perché in molti casi le vittime non fanno nemmeno denuncia. Le indagini sono partite nel marzo dello scorso anno dopo un raggiro messo a segno a Lodi, in piazza Vittoria, ai danni di una donna straniera di 40 anni.

Agivano sempre allo stesso modo, fra Lombardia e Piemonte, nei giorni in cui c’era mercato e sempre vicino a un ufficio postale. Uno interpretava il ruolo di un marinaio che non parlava bene l’italiano ma che aveva bisogno di soldi per imbarcarsi a Gevova, un altro era il finto ufficiale delle Poste che interveniva per aiutare la vittima di turno, quasi sempre un anziano, a capire cosa volesse quello straniero, un altro ancora faceva la parte del gioielliere che valutava gli oggetti in oro (vere e proprie patacche) in possesso del marinaio e che questo era disposto a vendere in cambio di denaro. Un altro ancora faceva il palo.

La questura di Lodi ha ricostruito gli episodi riconducibili alla banda. A Lodi, oltre a quello di marzo 2017, ce ne sono altri due, entrambi l’1 giugno dello stesso anno. Il primo è fallito, in via De Lemene, mentre nel secondo caso, in piazza Mercato, gli agenti sono intervenuti e hanno sequestrato i finti gioielli, false banconote e un foglio con date e vie delle città in cui c’era mercato in Lombardia e in Piemonte.

Gli otto, con età comprese fra i 38 e i 61 anni, sono stati denunciati per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di truffe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.