La festa del IV Novembre tra giustizia, pace e libertà
Lodi le celebrazioni del 4 novembre

Così Lodi ha celebrato i 100 anni dalla fine della Grande guerra

Richiamata l’unità nazionale, che è specchio di quella territoriale

Il valore della libertà, della giustizia e della pace, affinché la dignità umana sia autentica, guardando ai giovani del passato e, allo stesso tempo, rivolgendosi alle generazioni future. Questo il messaggio lanciato nel corso della mattinata di ieri dal vescovo di Lodi, monsignor Maurizio Malvestiti, rivolto ai fedeli e alle autorità presenti all’interno del duomo lodigiano, in occasione del centenario dalla fine del primo conflitto mondiale, conclusosi il 4 novembre 1918.

Alle 9.30 all’interno della cattedrale ha avuto luogo la Messa, celebrata dal vicario generale della diocesi don Bassiano Uggè, con la benedizione e i saluti del vescovo. Conclusasi la celebrazione un lungo corteo ha cammino fino in piazzale Medaglie d’Oro dove è stata posata la corona commemorativa.

La marcia è ripresa in direzione piazza Zaninelli, procedendo con la collocazione delle ultime corone e il successivo ritorno in piazza della Vittoria, luogo da cui era partita la manifestazione. Autorità, associazioni e forze armate si sono così riunite per i discorsi celebrativi in piazza, dove il pubblico è accorso per poter assistere all’alzabandiera, accompagnato dall’inno nazionale, a cui è seguito un sentito applauso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.