Spazio pubblico a CasaPound: «È uno sfregio alla democrazia»
Sabato è in programma al Cupolone il raduno regionale di CasaPound: Anpi e Partito democratico contestano la concessione da parte del Comune dello spazio pubblico

Sant’Angelo, lo spazio pubblico a CasaPound: «È uno sfregio alla democrazia»

Anche la segreteria provinciale Pd contesta la decisione di concedere il Cupolone

Sale la tensione a Sant’Angelo in vista della festa regionale di CasaPound. Dopo l’altolà del Partito democratico cittadino e dell’Anpi, è la segretaria provinciale Dem a chiedere ufficialmente uno stop a palazzo Delmati. Perché il Comune di Sant’Angelo riveda la sua scelta e dica “no” al raduno regionale in programma sabato.

La scelta è ricaduta sulla città di Sant’Angelo, come ha spiegato la portavoce regionale Angela De Rosa, anche in virtù della possibilità di chiedere in affitto lo spazio di proprietà comunale del Cupolone, che permette di utilizzare un evento con parti dedicate ai convegni - due in agenda, dalle 15.30 in poi - , l’intervento del presidente di CasaPound Italia Gianluca Iannone alle 19.30 e un concerto serale.

In una nota la segretaria provinciale Dem scrive: «Concedere l’uso di uno spazio pubblico ad una manifestazione promossa da un movimento che agisce in totale contrasto con i valori della Costituzione e vagheggia l’evoluzione “3.0” del fascismo non è una dimostrazione di mancanza di pregiudizio intellettuale e nemmeno un atto amministrativo dovuto; è solo un gesto di compiacenza verso tesi e ideologie che gli italiani hanno strenuamente combattuto nella guerra di Liberazione e che la democrazia ha ripudiato definitivamente».
Scrivono i democratici: «Concedere uno spazio pubblico a Casapound è uno sfregio alle istituzioni democratiche: non si può essere ospitali e compiacenti con chi inneggia al fascismo».

Il sindaco Maurizio Villa, che oggi incontrerà il prefetto di Lodi sulla questione, aveva già sottolineato che «Sant’Angelo è un paese libero e accoglie manifestazioni di ogni partito riconosciuto dalla legge».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.