Ex Mercatone Uno: «Serve una soluzione per i 17 lavoratori ritenuti in esubero»

Ex Mercatone Uno: «Serve una soluzione per i 17 lavoratori ritenuti in esubero»

L’appello dell’onorevole Guerini al Ministero

Andrea Bagatta

«Trovare una soluzione per i 17 lavoratori ex Mercatone Uno che non saranno riassorbiti dalla nuova proprietà Cosmo». L’appello è dell’onorevole Pd Lorenzo Guerini, che in questi giorni ha ricevuto dal Ministero dello Sviluppo economico la risposta all’interrogazione presentata lo scorso maggio sulla vicenda del Mercatone Uno, in particolare per i 13 punti vendita in tutta Italia passati al gruppo Cosmo, tra cui quello di Pieve.

L’onorevole Lorenzo Guerini

«Rispetto alle condizioni iniziali, l’intesa sindacale ha migliorato gli aspetti occupazionali, per Pieve aumentando da 18 a 27 il numero di lavoratori confermati, sui 44 in forza – spiega Lorenzo Guerini -. Oltre alla tutela della continuità occupazionale, segnalavo anche l’urgenza di prevedere strumenti di sostegno al reddito e di ricollocazione per i lavoratori in esubero. Nella risposta all’interrogazione si precisa che, fermo restando il diritto per legge sulla precedenza nelle assunzioni della nuova proprietà per i 12 mesi successivi all’acquisizione, l’accordo definitivo prevede un’ulteriore precedenza per i lavoratori ex Mercatone in esubero anche per eventuali assunzioni da parte di aziende terze che entrassero in affitto nei punti vendita acquistati da Cosmo».

L’assalto dei clienti negli ultimi giorni di apertura a caccia dell’offerta migliore

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.