L’elmo torna a “casa”, rivive la storia di Laus
La conferenza stampa di presentazione degli eventi

L’antico elmo ritrovato a Lodi Vecchio ora torna a casa

Il reperto risale al terzo secolo avanti Cristo: la città si prepara ad accoglierlo con due fine settimana di eventi

Torna a casa l’antico elmo ritrovato a Lodi Vecchio e la città si prepara ad accoglierlo con due fine settimana di eventi. Il prezioso reperto, risalente al terzo secolo avanti Cristo, è stato ritrovato alcuni anni fa in modo fortuito a campo San Marco.
Pronta la nuova teca al museo di Corte Bassa, l’elmo sarà svelato ufficialmente domenica alle 16 al museo Laus Pompeia, alla presenza del sindaco Alberto Vitale, del Soprintendente Gabriele Barucca e dei funzionari Simone Sestito e Stefania De Francesco, del conservatore del Museo Gianluca Mete, e Angelo Garioni, presidente di Civitas Laus che gestisce il museo. A illustrare l’elmo, le sue caratteristiche e il contesto storico, Lucia Mordeglia, etruscologa ed esperta di archeologia italica.

L’antico elmo

Il primo settimana vedrà infatti la presentazione ufficiale dell’elmo in collaborazione con la Soprintendenza, il secondo, a corollario, con la rievocazione storica allestita dal gruppo Legio Italica, uno dei più importanti a livello europeo, che conta collaborazioni di rilievo, tra cui quella con Alberto Angela per i programmi Rai.
Oltre 60 i rievocatori in costume che, sabato 22 e domenica 23, allestiranno un accampamento dei Romani e dei Celti, un convivium allestito al campo sportivo di via Madre Cabrini sabato sera, un corteo storico, il rito di fondazione della città e la rievocazione della battaglia tra Romani e Celti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.