San Colombano, i rapaci salvati conquistano il cielo
Un attimo prima della libertà 

San Colombano, i rapaci salvati conquistano il cielo

Sono stati liberati sabato quattro volatili recuperati da privati e curati dal Cras di Vanzago

Nei mesi scorsi sono stati trovati a terra, troppo piccoli per volare, da alcuni cittadini. Sono stati raccolti e portati alle cure degli esperti e sabato si sono librati, liberi, nel cielo. È la storia di quattro rapaci, liberati sabato attorno alle 17.30 al punto d’osservazione della madonna del Ronchetto, sul colle di San Colombano. Si tratta di due allocchi e due civette che erano cresciuti al Cras di Vanzago, il Centro Recupero Animali Selvatici di riferimento anche per il Lodigiano.

Inanellati per seguirne in futuro eventuali altri ritrovamenti, sabato nel primo pomeriggio sono stati prelevati dai volontari del Grol, il Gruppo Ricerche Ornitologiche del Lodigiano, e portati alla Madonna del Ronchetto, in Comune di Inverno e Monteleone, per poi essere rilasciati sul colle banino. «Gli animali stanno bene, sono cresciuti normalmente e ora si adatteranno in fretta all’ambiente – dicono i volontari -. Ricordiamo sempre ai cittadini che i piccoli trovati a terra incapaci di volare sono quasi sempre curati dagli adulti, magari appostati nelle vicinanze. Quindi se non c’è un pericolo imminente, si lascino pure a terra, e si recuperino solo in caso di rischio».

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola il 20 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.