Parcheggi, finora annunci e frenate E il multipiano resta solo sulla carta
Il parcheggio D’Azeglio, una delle zone prese in considerazione per un silos

Parcheggi, a Lodi il sogno di un multipiano non è mai decollato

I vecchi progetti di un silos in via D’Azeglio sono rimasti lettera morta, il programma della giunta Casanova lo prevede ma non se ne è mai parlato

I parcheggi di Lodi scoppiano e ciononostante la città aspetta da quasi dieci anni un parcheggio multipiano. Nel programma elettorale della giunta Casanova l’ipotesi è presente, ma nell’ultimo anno non si è fatto cenno ad una possibile fattibilità dell’opera. Nessuno dei vecchi progetti del resto è mai andato a buon fine. Oggi la città conta oltre 1600 posti a “strisce bianche” e circa 2100 stalli a pagamento in concessione. Gli ultimi posteggi realizzati registrano ormai il “tutto esaurito” e la fame di nuovi posti dove lasciare l’auto è evidente. Le cosiddette zone di “sfogo” - il quartiere dei Laghi, le vie secondarie di Porta Regale e Pratello, le strade vicine alla Dossenina -, infatti, sono prese d’assalto.

L’ultimo maxi progetto, in ordine di tempo, presentato alla città del Barbarossa, è stato quello dell’ex sindaco Simone Uggetti nel 2016, durante la corsa per il Broletto. L’idea era quella di un silos in viale Dalmazia, a pochi passi dal tribunale, un’opera che avrebbe aggiunto duecento posti auto all’offerta già presente. L’investimento sarebbe stato a carico dei privati e inserito nel nuovo bando della sosta.

Una gara d’appalto portata poi avanti durante il periodo del commissariamento, senza però l’ombra del multipiano.

In realtà il multipiano seguiva in parte le orme del passato. Nel 2010, infatti, durante la campagna elettorale di Lorenzo Guerini, ex sindaco del capoluogo e attuale presidente del Copasir, il centrosinistra promise 1500 stalli in più tra posteggi e almeno un multipiano da collocare in via D’Azeglio. Si dovevano cercare dei fondi privati e il Comune avrebbe partecipato con una quota, ma poi non fu possibile procedere in questo modo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.