In 4mila salvati dalle donazioni del sangue ma c’è scarsità
La sede Avis è nella palazzina dell’ex Cup

«Quattromila pazienti salvati grazie alle donazioni di sangue»

Ma la raccolta è in calo e il dottor Cambiè rilancia l’appello dell’Avis

Qualche giorno fa “il Cittadino” ha rilanciato l’appello dell’Avis per le donazioni di sangue. A dare ulteriore forza alla richiesta arrivano i dati di Giuseppe Cambiè, responsabile del servizio dell’ospedale Maggiore, che dati alla mano mostra quanto sia prezioso il gesto dei donatori. Sono infatti quattromila i pazienti “salvati” grazie alle donazioni di sangue.

Le donazioni calano, ma il sangue serve. Nel 2017, infatti, sono state utilizzate per i 4 ospedali del Lodigiano, 5mila unità di sangue. Senza contare quello che, secondo gli accordi regionali, deve essere trasferito al San Raffaele, al San Carlo e al San Paolo di Milano.

Il dottor Cambiè

«Nel 2017 - spiega Cambiè - abbiamo trasfuso ai pazienti della nostra Asst quasi 5mila unità di globuli rossi ricavati dal sangue intero, cioè 100 unità e 80 pazienti ogni settimana, più di 4mila persone all’anno. Circa la stessa quantità era stata trasfusa nel 2015». Per quanto riguarda le donazioni, invece, il numero è diminuito.

«Per un’operazione in campo vascolare - spiega, infatti, il primario della chirurgia di Lodi Pietro Bisagni -, possiamo arrivare a utilizzare anche 10 sacche. Due o 3 sacche si utilizzano per un intervento a stomaco e pancreas. Le sacche sono fondamentali per gli interventi in emergenza, pensiamo solo ai traumi. Per una emorragia interna ne servono anche più di 10, in un paziente con una emorragia gastrica o intestinale vengono trasfuse anche 5 sacche. È importante, per salvare persone in bilico tra la vita e la morte, avere a disposizione dei donatori fidelizzati a un centro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.