Maxi cartiera: «Da oggi le cose si fanno seriamente»
L’area all’ex Gulf dove secondo il progetto dovrebbe sorgere la cartiera

Cartiera all’ex Gulf: «Adesso le cose si fanno seriamente»

Mercoledì un vertice in Regione con Provincia, Comune e imprenditori turchi sull’insediamento di Bertonico, Passerini: «Fino ad ora solo fumo»

«Finora si è solo venduto fumo, da oggi invece le cose si fanno seriamente» è il commento del presidente della provincia di Lodi, Francesco Passerini, dopo l’incontro in regione per la maxi cartiera di Bertonico. Dopo il silenzio calato da qualche mese sul progetto turco in area ex Gulf, ieri pomeriggio a palazzo Lombardia si è tenuto il primo vertice fra enti (Regione, Provincia, Comune) e imprenditori in cui l’ipotesi cartiera è stata messa sul tavolo davvero.

Nessuna indiscrezione sugli aspetti tecnici emersi nella riunione. Quel che appare confermato quanto evidente, è che la procedura per il progetto è regionale.

«È stato il primo incontro concreto e reale fra le parti che si stanno comportando in maniera seria – continua Passerini – ed è questo che conta: ho trovato vergognoso il fatto che per quasi due anni qualcuno abbia venduto al territorio numeri, cifre come 500 posti di lavoro e progetti, quando non esisteva che una brochure, parlando prima di un tipo di procedura necessaria, provinciale, poi nazionale, quindi regionale; non è giusto verso i cittadini e verso gli stessi investitori».

Sulla fattibilità dell’investimento Passerini chiarisce: «La disponibilità c’è da valutare, la serietà dell’iter serve proprio a definire se sia un’operazione fattibile oppure no». E precisa: «Serve un confronto chiaro, basato su proposte e analisi concrete, tempi certi, e l’incontro di oggi (ieri per chi legge, ndr) si è sviluppato proprio in questo senso, anche da parte degli investitori ho riscontrato massima serietà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.