Alessandro supera anche lo “scoglio” della maturità
Alessandro Croviezzilli con gli insegnanti Alessandra Russo ed Ezio Rizzo

Più forte della malattia: dopo la lotta contro il tumore, per Alessandro la sfida della maturità

Il 20enne di Livraga ha sostenuto l’esame al Cesaris di Casale

Tra i tanti studenti lodigiani che quest’anno sostengono l’esame di maturità che c’è anche chi, questo appuntamento, l’ha raggiunto a dispetto di tutto. Da Livraga arriva la storia di Alessandro Croviezzilli: una storia di tenacia e di coraggio. Perchè il 20enne è stato colpito nove anni fa da un medulloblastoma, e quello che solo cinque anni fa sembrava a dir poco impossibile oggi è realtà: ha sostenuto l’esame al Cesaris di Casale.

Tutto ha inizio nove anni fa con due episodi di mal di testa e vomito in classe, Alessandro è in prima media, e tornato a casa i genitori lo portano dal medico che li spedisce di corsa da uno specialista al San Raffaele a Milano. Qualche ora più tardi, la diagnosi: «Vostro figlio deve essere operato al cervello, ha un tumore maligno». Non è solo l’intervento di dodici ore e il risveglio dal coma dopo tre mesi, ci sono le mille complicazioni e da lì il ricovero all’Istituto dei tumori di Milano e poi a Lecco al centro di riabilitazione neurocerebrale, dove rimane un anno e mezzo prima di tornare a Livraga e terminare le medie. Poi il Cesaris, indirizzo scientifico biologico, l’ennesima prova, vinta grazie anche agli insegnanti di sostegno Ezio Rizzo ed Alessandra Russo che hanno creduto in lui. E naturalmente alla sua famiglia. «Era dato per cieco e invece ha recuperato e oggi è ipovedente, ha problemi di equilibrio, ma in casa è del tutto autonomo. Fa le sue cose, si prepara il caffè. Io lo chiamo l’Uomo ragno» racconta il padre.

E intanto che si attendono i risultati della maturità “Ale” pensa già all’università. Vuole fare Geologia. «Da bambino raccoglieva i sassi e bisognava andare in giro con la “carriola”» racconta il padre Massimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.