Ancora un furto ai distributori dell’Itis Volta: «È il decimo»
Distributori automatici al Volta imballati e fermi per uno dei furti precedenti

Non c’è pace per le “macchinette” del Volta: nuovo furto nel fine settimana

L’allarme nell’istituto di Lodi è scattato alle 5 di sabato mattina ma i ladri sono fuggiti

Sabato mattina verso le 5 l’allarme dell’istituto Volta di Lodi è scattato e si sono precipitati sia la vigilanza privata sia i carabinieri. La scena che hanno trovato si ripete a più riprese nella struttura di via Papa Giovanni XXIII dallo scorso settembre: distributori automatici del caffè scassinati per prelevare l’incasso. Dei ladri nessuna traccia. Il gestore delle “macchinette”, Giacomo Bruschi, è sconsolato: «Sarà ormai il decimo furto che subisco all’Itis Volta di Lodi, dall’inizio dell’anno scolastico».

Il gestore aveva già limitato il numero di macchinette attive all'Itis proprio per ridurre i danni in caso di furti, inoltre «svuotiamo le gettoniere ogni giorno, proprio per scoraggiare i ladri» spiega Bruschi, ma «i costi dei danni però sono sempre rilevanti e dobbiamo pagarli noi» dice esasperato.

Da settembre ai giorni scorsi è stato finora un anno scolastico nero riguardo ai furti nelle scuole di Lodi, ma anche di Sant’Angelo Lodigiano. «Io ho distributori anche in altre scuole spiega Bruschi - e in tutte, più o meno, ci sono stati dei furti. Ma così tanti come quest’anno all’Itis di Lodi non me n’erano mai capitati».

«Ho anche pensato di rinunciare a servire l’Itis - prosegue l’imprenditore - ma alla fine ci rimetterei solamente io perché arriverebbe un’altra azienda a installare i distributori. E così, facendo fronte ogni volta ai danni, resisto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.