«Da un mese viviamo sotto scacco di una gang di bulli di quartiere»
La zona denominata Il Villaggio a San Giuliano

A San Giuliano negozianti ostaggio dei baby bulli

Una decina di adolescenti mette a dura prova la pazienza di operatori commerciali e residenti del quartiere Il Villaggio

Una decina di giovanissimi “bulli” da circa un mese tengono in ostaggio i commercianti del quartiere “Il Villaggio” di San Giuliano. I negozianti lamentano i dispetti, i danneggiamenti e i piccoli furti che sono costretti a sopportare costantemente ad opera di una banda di adolescenti che si sono “impossessati” della zona, tra via Repubblica e via Cavalcanti, mettendo a dura prova la pazienza di operatori commerciali e residenti.

È un coro univoco quello che si alza dai commercianti, ormai esasperati dal gruppo di adolescenti che non dà loro tregua e che fa chiasso fino a tarda ora. Non ce la fanno più neanche i cittadini e qualcuno è già corso ai ripari. Racconta una residente: «Mi sono già recata anche in Comune per spiegare in quale clima viviamo, il nostro è un vero e proprio disagio, ma purtroppo, nonostante i nostri solleciti, non è cambiato niente».

«La situazione è nota» conferma il commerciante Alessandro Giust dal suo negozio, che aggiunge: «A volte nella piazzetta di fronte ai nostri negozi vediamo rami spezzati, cartacce e biciclette Ofo trasformate in rottami».

Ma la denuncia è corale. «È una provocazione continua – si sfoga il panettiere Ahmed Abdou - Sono prepotenti e noi non reagiamo mai, ma siamo davvero in grossa difficoltà». Nel suo negozio entrano, prendono bibite, intascano pacchetti di caramelle, sporcano all’esterno. Un problema che riguarda anche il titolare della cartoleria, Vittorio Manuppelli, che dichiara: «Continuo a pulire l’area di fronte al mio negozio dove gettano a terra di tutto. Sotto Carnevale hanno lanciato le uova contro la vetrina di un collega, inoltre sputano e sono dediti ad atti di disturbo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.