Tumori, ancora allerta Sono mille i nuovi casi
Il primario facente funzioni dell’oncologia di Lodi e Casale Giuseppe Montanari: «Lavorare in equipe è essenziale»

Tumori, ancora allerta: nel 2017 mille nuovi casi

Ben 700 pazienti in più ogni anno approdano negli ospedali di Lodi e Casale per farsi curare, gli altri si rivolgono a strutture di Milano e Pavia

Sono numeri da allerta quelli dei casi di tumore nel territorio Lodigiano: nello scorso anno settecento nuovi casi di cancro sono arrivati negli ospedali di Lodi e Codogno, ma i nuovi malati nel territorio sono stati oltre 1000. Alcuni infatti preferiscono rivolgersi ad altre strutture: «Le consulenze e il secondo parere che i nostri pazienti chiedono negli altri ospedali di Milano o Pavia sono considerate da noi un contributo. Non c’è più la gelosia di prima. Siamo circondati da centri importanti e il loro parere è tenuto da noi in considerazione» spiega il primario facente funzioni Giuseppe Montanari .

«Il problema dei tumori - commenta il primario - è anche un tema ambientale e di controllo. Quello che è successo a Corteolona, con l’incendio dei capannoni, è gravissimo.Mi chiedo se le autorità e i sindaci facciano il monitoraggio del territorio».

All’ospedale di Lodi vengono utilizzati anche farmaci innovativi ad alto costo come quelli immunologici. «Si tratta di medicine che si sono dimostrate efficaci nella cura delle neoplasie - dice lo specialista -. Il nostro compito è garantirle in tempi ragionevolmente brevi». Il primario condivide la scelta fatta dal governo di «finanziare con 500milioni di euro all’anno l’acquisto di questi farmaci aumentando di un centesimo il prezzo di ogni sigaretta venduta».

L’assistente sociale e lo psicologo affiancano il malato di tumore negli ospedali lodigiani. «In reparto e in ambulatorio - spiega Montanari - sono diventate figure imprescindibili per l’assistenza psicosociale e per migliorare la qualità di vita dei nostri pazienti. Il contributo del volontariato poi è fondamentale. In una società tante volte distratta nei confronti di chi ha bisogno, vedere tanti gesti di solidarietà è esemplare».

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de il Cittadino in edicola l’11 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.