Peschiera, calci e pugni al carabiniere per fuggire

Peschiera, calci e pugni al carabiniere per fuggire

Butta a terra un carabiniere per scappare. Solo così, usando la violenza, due topi d’appartamento sono riusciti a fuggire dopo che avevano tentato un furto in un appartamento a Peschiera.

Un furto che doveva essere facile, da mettere a segno nella notte tra giovedì e venerdì in uno dei tanti appartamenti lasciati vuoti dai proprietari in vacanza. Così a bersaglio è stato preso un palazzo in via della Liberazione.

Un alloggio al primo piano. I ladri, evidentemente, pensavano di poter agire indisturbati, confidando nel fatto che alle 2 anche i vicini fossero a letto. Ma al piano superiore si sono accorti dei rumori. Hanno visto due persone, mentre tentavano di introdursi nell’abitazione sottostante e hanno immediatamente contattato il “112”. Sul posto sono state dirottate le pattuglie della stazione di Peschiera e a supporto gli altri reparti.

Quando la prima pattuglia è intervenuta sul posto, i ladri se la sono data a gambe per far perdere le loro tracce, nonostante non fossero riusciti a prendere niente dall’appartamento. Coraggiosamente un carabiniere ha tentato di bloccare uno dei due fuggiaschi, che l’ha aggredito, con calci e pugni, riuscendo a dileguarsi insieme al complice.

I due malviventi sono scappati a piedi verso i giardini, dileguandosi, probabilmente approfittando della sponda di un terzo complice. È presumibile che siano fuggiti in auto verso Milano, ma le ricerche successive non hanno dato alcun risultato.

Fortunatamente nulla di grave per il carabiniere ferito, che si sottoporrà ad accertamenti medici per le lesioni subite. Le indagini sono tuttora in corso.

Nella notte precedente un altro furto è stato sventato, sempre a Peschiera, in un’azienda di logistica, grazie all’intervento tempestivo degli equipaggi della compagnia di San Donato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.