San Martino si mobilita per curare la piccola Alexandra

San Martino si mobilita per curare la piccola Alexandra

Davide Cagnola

Una gara di solidarietà a San Martino per la piccola Alexandra. Grazie a una raccolta fondi, che ha coinvolto tantissime persone in paese, la famiglia ha potuto infatti riportare la bimba in Italia, affinché venga curata al meglio.

Ha suscitato grande commozione nella comunità la tragica sorte della bambina, otto anni appena, che all’inizio di giugno è rientrata in Romania con la famiglia per trovare i parenti e in quei pochi giorni è rimasta coinvolta in un grave incidente stradale. Un’auto infatti l’ha investita, procurandole degli edemi cerebrali che tuttora le impediscono di riprendersi da un complesso stato soporoso.

Così circa un mese fa alcune mamme della classe che frequenta Alexandra, alle elementari del paese, hanno dato vita spontaneamente a una raccolta fondi, senza clamori ma con un insistente passaparola, «e quello che si è avverato è stato un piccolo miracolo di generosità» sottolinea il Comune in una nota: con le donazioni di alcune associazioni e di tanti privati cittadini rimasti anonimi, infatti, è stata raccolta in poco tempo nelle quasi venti cassettine poste negli esercizi commerciali la cifra di oltre 4mila euro.

«Come sindaco ho il dovere di ringraziare tutti i sanmartinesi - le parole del primo cittadino Luca Marini -: anche il nostro Santo Martino esulterebbe di fronte a una generosità così spontanea. La nostra comunità ha teso la mano a una bimba sofferente e alla sua famiglia in un momento davvero tragico, dimostrando una solidarietà umana che travalica le cittadinanze e i confini e che ci deve rendere orgogliosi. Ora ci auguriamo che i medici possano offrire una speranza ad Alexandra».

I soldi inizialmente dovevano servire per proseguire le cure presso l’ospedale di Bucarest, ma poi i genitori hanno deciso di riportare la bambina in Italia.

Le donazioni quindi sono state utilizzate per far fronte alle spese di viaggio: il trasporto è durato oltre 20 ore e si è svolto su un’autoambulanza con un medico a bordo, con un costo superiore a 3mila euro.

Lunedì mattina quindi la bambina è stata accolta al centro riabilitativo “La nostra famiglia” di Bosisio Parini (Lecco), dove verrà assistita in attesa di una valutazione medica approfondita. La situazione sanitaria comunque rimane ancora molto delicata, pur in un quadro di complessiva stabilità, e da oggi cominceranno le sedute di fisioterapia e di logopedia. «Di certo se le sue cure necessitassero di nuovo sostegno, la comunità sanmartinese risponderà ancora all’appello» è l’augurio dell’amministrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.