Si guasta il bus della Line, gli studenti restano appiedati

Si guasta il bus della Line, gli studenti restano appiedati

Nuova mattinata di caos per il trasporto della Line da San Colombano alle scuole della Bassa, Casale e Codogno: il bus si guasta e i mezzi sostitutivi arrivano in ritardo e caricano solo pochi studenti. Metà degli studenti pendolari rimane così a terra, qualcuno si muove in autonomia con mezzi propri recuperati all’ultimo e molti altri, almeno venti o venticinque ragazzi, scelgono di tornarsene a casa e di rinunciare per un giorno alla scuola. Prospettiva forse non terribile per i ragazzi, ma i genitori ieri erano per l’ennesima volta infuriati con il servizio pubblico. Il bus delle 7 del mattino ieri non si è presentato a raccogliere i ragazzi alle fermate di San Colombano per portarli alle scuole superiori di Casale e di Codogno. Senza nessuna informazione, il mezzo ha avuto un guasto mentre stava arrivando a San Colombano, i ragazzi hanno atteso 15 minuti prima dell’arrivo di un altro pullman. Ma il mezzo arrivato, probabilmente dirottato su San Colombano da un’altra linea, era già ben ampiamente carico e ha potuto raccogliere solo una dozzina di studenti della prima fermata. Dopo 15 minuti è arrivato un altro bus, proveniente da Graffignana, ma anche quello è riuscito a caricare solo gli studenti della prima fermata di fatto, lasciando oltre metà paese a piedi, almeno una cinquantina di ragazzi che da prima delle 7 aspettavano il mezzo. A quel punto alcuni hanno cominciato a organizzarsi e chi con i genitori chi in proprio, tra i più grandi e patentati, alla fine si è messo in moto con vetture private per raggiungere in ritardo i luoghi di studio. Altri hanno semplicemente deciso di tornarsene a casa e rinunciare a un giorno di scuola, altri ancora si sono fermati a lungo in attesa di altri mezzi, anche ben oltre le 8 del mattino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.