Lodi, il confronto tra i candidati spostato al Verri

Lodi, il confronto tra i candidati spostato al Verri

“Troppe presenze attese”. Il confronto pubblico tra i candidati sindaco, organizzato per domani sera (giovedì 20 aprile) alla sala Rivolta del Teatro alle Vigne, trasloca di pochi metri e si terrà nell’aula magna del Liceo Verri di via San Francesco. L’orario di inizio resta confermato, ore 21.15, ingresso libero. Lo ha comunicato questa mattina l’associazione di categoria Asvicom, che organizza il primo confronto pubblico tra i sette candidati sindaco di Lodi, incentrato sui temi del rilancio del commercio e dello sviluppo economico della città. “Dal Teatro alle Vigne ci hanno informato che in mattinata hanno ricevuto numerose richieste di partecipazione al confronto pubblico e temono che la sala Rivolta, inizialmente scelta per ospitare il dibattito, non abbia capienza a sufficienza - spiegano da Asvicom -. Così si è scelto di trasferire l’appuntamento di pochi metri, nella più capiente aula magna del Liceo Verri. Fuori dal Teatro alle Vigne saranno presenti comunque indicazioni precise circa la nuova sede del confronto, che si trova a pochi metri di distanza”. Il confronto sarà moderato dal caposervizio cronaca del “Cittadino”, il giornalista Lorenzo Rinaldi. Sono stati invitati, come detto, tutti i sette candidati sindaco: Carlo Gendarini (Pd più liste civiche), Giuliana Cominetti (liste civiche), Lorenzo Maggi (liste civiche), Luca Scotti (liste civiche), Massimo Casiraghi (Movimento 5 Stelle), Sara Casanova (Lega nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia e lista civica) e Stefano Caserini (liste civiche). L’organizzazione dell’evento è dell’associazione di categoria Asvicom, che intende in questo modo avviare il dibattito in città, in piena campagna elettorale, sui temi dell’economia locale, dai piccoli negozi all’a nascita di Lodi “città universitaria”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.