Il re dei quiz tv di Somaglia sfiora la vittoria da Bonolis

Il re dei quiz tv di Somaglia sfiora la vittoria da Bonolis

Fabio Ravera

Il “piccolo schermo” è quasi la sua seconda casa. Perché quiz, giochi a premi e spettacoli sono una delle grandi passioni di Carlo Arioli, 44enne impiegato di Somaglia che mercoledì sera ha arricchito il suo “curriculum” di partecipazioni televisive arrivando fino al gioco finale di Avanti un altro! il programma preserale in onda su Canale 5 condotto da Paolo Bonolis. Dopo aver sbaragliato la concorrenza nelle fasi iniziali, Arioli si è “bloccato” a un paio di “caselle” dalla vittoria nel complicatissimo gioco conclusivo in cui il concorrente deve fornire la risposta sbagliata alla domanda del presentatore scegliendo tra due alternative. «Mi è mancato tanto così per vincere – racconta Carlo, comunque soddisfatto dell’ennesima avventura televisiva -. Purtroppo tutte le volte in cui ho risposto a caso mi è andata male». Pazienza: l’esperienza negli studi romani di Canale 5 resterà comunque indelebile. «Ho trovato davvero un bell’ambiente. Paolo Bonolis mi ha fatto un’ottima impressione anche a telecamere spente, è sempre gentile e disponibile. Tra il pubblico c’erano alcune persone disabili e lui si è prestato volentieri a scattare selfie con loro». Bonolis non è il primo presentatore famoso con cui Arioli ha avuto a che fare. «La mia prima partecipazione televisiva risale al Karaoke di Fiorello, a Pavia, non avevo nemmeno vent’anni. Quell’esordio poi mi ha spinto a partecipare ad altre trasmissioni. Nel ’92, a Campionissimo, programma di Italia 1 con Gerry Scotti, vinsi 4 milioni di lire. Poi ho giocato anche a Ok il prezzo è giusto e due volte a Sarabanda, vincendo anche una puntata». Suo malgrado, Carlo è finito anche in una “candid camera” insieme a Mike Bongiorno nel programma Provini – Tutti pazzi per la tv.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.