Effetto botti, il 2017 inizia a Lodi con l’inquinamento alle stelle

Effetto botti, il 2017 inizia a Lodi con l’inquinamento alle stelle

Il 2017 è iniziato in Lombardia con il superamento diffuso della soglia di polveri sottili. Lo rileva l’Arpa regionale segnalando come le concentrazioni di PM10 più alte rilevate ieri 1 gennaio sono state a Lodi, dove si è toccata quota 97, a Milano, Monza e Mantova.

L’analisi dell’andamento delle concentrazioni rilevate durante la giornata - scrive l’Arpa in una nota - conferma che il primo gennaio, in molte località all’effetto di condizioni meteorologiche non favorevoli alla dispersione degli inquinanti si è sommato il contributo dei botti di capodanno. I valori di picco orari sono stati registrati, infatti, nelle primissime ore dopo la mezzanotte, per poi scendere durante la giornata.

Per i prossimi giorni, il Servizio Meteorologico di ARPA prevede un’evoluzione positiva per la qualità dell’aria. A partire da mercoledì, infatti, è probabile un rinforzo dei venti da settentrione, a tratti moderati o anche forti in pianura, che porteranno condizioni favorevoli o molto favorevoli alla dispersione degli inquinanti.

In tutto il 2016 sempre secondo i dati dell’Arpa a Lodi si sono registrati ben 52 superamenti quotidiani della soglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.