NEWS
venerdì 22 settembre 2017 ore 13:47
Ss. Maurizio e c.
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
Parcheggi Lodi
Una persona disabile non è in condizioni di svantaggio?
16 agosto 2017

Le leggi,non le regole, vanno rispettate.
In riferimento alla risposta data dall’assessore alla viabilità del comune di Lodi Alberto Tarchini all’articolo di denuncia pubblicato su Il Cittadino del 3 agosto scorso voglio esprimere alcune considerazioni. Come l’assessore spiega esaurientemente le regole per il rilascio del pass disabili a Lodi prevedono che l’intestatario del contrassegno si rechi di persona presso gli uffici per firmarlo alla presenza di un pubblico ufficiale essendo (a detta dell’assessore) un documento strettamente personale. Mia mamma si muove solo su una carrozzella ma spesso non si sente di uscire di casa e nei giorni scorsi( è possibile firmare solo il Lunedì o il mercoledì) non si è sentita di farsi condurre agli uffici viabilità. Ma perché il Comune di Lodi non si adegua a consentire il rilascio dei pass su delega cartacea? (mi risulta che il comune di Bergamo e il comune di Milano già lo facciano). Persino Il passaporto, documento strettamente personale per eccellenza, può essere ritirato con delega.
Ma vorrei aggiungere un’ altra considerazione. L’articolo 2 della legge 1° marzo 2006 n. 67 «Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni» pubblicata sulla gazzetta ufficiale n. 54 del 6 marzo 2006, definisce la «Nozione di discriminazione» distinguendo e spiegando la «discriminazione diretta ed indiretta».
In particolare l’articolo 2 di detta legge cita testualmente: «Si ha discriminazione indiretta quando una disposizione, un criterio, una prassi, un atto, un patto o un comportamento apparentemente neutri mettono una persona con disabilità in una posizione di svantaggio rispetto ad altre persone».
Una persona con riconosciuta invalidità del 100% per totale incapacità a deambulare non è forse «in condizioni di svantaggio rispetto ad altre persone»?

Francesco Pierini

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
10 commenti.
Fender 18 agosto 2017 08:17
xenon. Ho parlato di funzionari perche' di certe problematiche ne parlo ad uno sportello, non con il sindaco in persona. Le sfugge che, evidentemente, i funzionari si comportano di conseguenza alle linee guida impartite da chi ha responsabilita' organizzative superiori. Ah, il nostro comune non e' Lodi.
jena 17 agosto 2017 22:41
Hai ragione xenón. La politica non c'entra nulla. Qui ci sono dei perfetti lazzaroni e basta. Interessante sapere i nomi ...
gic 64 17 agosto 2017 22:11
Mia madre disabile al 100% che abita a Melegnano,quando ho dovuto rinnovare il pass disabili,ho telefonato alla polizia locale,ho preso appuntamento e Loro sono venuti a casa per la firma.
xenon 17 agosto 2017 16:23
Ci fosse ancora Uggetti, sarebbe sua la colpa. Ora non si parla di politica ma di funzionari. Ma chi detta le regole?
Fender 17 agosto 2017 08:30
Informo l'assessore che piu' di una volta un funzionario del comune e' venuto a casa per agevolare nostro figlio in faccende amministrative tipo il rinnovo del documento di identita. Qui non si tratta di creare precedenti ma di utilizzare solo il buonsenso.
Atreiu 17 agosto 2017 08:06
Spero che la regola possa essere modificata. Ma la risposta del perchè è molto semplice: si possono ringraziare gli abusi di permessi facili concessi in passato. Un giorno ho visto 3 grossi SUV uno accanto all' altro tutti è tre con permesso disabili, oltretutto fuori dai parcheggi consentiti. Allora qualche dubbio ti prende, quindi vengono messi paletti e restrizioni esagerate e cosí ci rimette chi non ha colpe.
jena 16 agosto 2017 23:18
Bruno, se qualcuno sveglia il funzionario ... magari magari magari lo fanno. Due o tre pastiglie di Svegliolin possono aiutare. O forse manca la voglia o qualcuno li ammaestra dicendo loro di non far niente.
bruno59 16 agosto 2017 17:45
..anche perché alle elezioni basta una richiesta all'ufficio elettorale affinché il presidente di seggio si rechi a casa di un infermo.
Non credo che un funzionario a tempo pieno del comune non possa farlo..
Massy68 16 agosto 2017 15:33
Se si potesse far provare per un mese cosa vuol dire essere un disabile a certi burocrati... forse capirebbero tante cose...
mrkatio 16 agosto 2017 13:04
Purtroppo in Italia il burocrate di turno ci rammenta dove puo' arrivare l'idiozia umana.....