NEWS
venerdì 18 agosto 2017 ore 05:00
S. Elena
IL GIORNALE IN EDICOLA
LODI
elezioni
Lodi al voto, aria di scissione nel centrodestra
15 febbraio 2017

Mancano pochi mesi al voto per palazzo Broletto, ma le coalizioni restano al palo. Nel centrodestra non c’è accordo e tira aria di scissione: il segretario cittadino di Forza Italia (Gino Biasini, nella foto) si dimette in aperta polemica con il coordinatore regionale degli azzurri, “reo” di aver lasciato campo libero alla Lega.

Il voto è atteso fra maggio e giugno anche se al momento non è ancora fissata la data. Per ora solo il Movimento 5 Stelle ha presentato il candidato sindaco, l’attivista Massimo Casiraghi.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
8 commenti.
bruno59 20 febbraio 2017 07:03
Scissione???
Ma quando mai sono stati uniti??
Don Gigi 15 febbraio 2017 21:56
Almeno c'è qualcuno che mostra gli attributi e prende una decisione coerente.
Pierino 15 febbraio 2017 16:41
A questo punto è molto probabile che Lorenzo Maggi si possa presentare agli elettori lodigiani con una lista civica. La riserva, comunque, dovrebbe essere sciolta entro la fine della settimana. Nel centrosinistra, invece, l’accordo non è ancora stato raggiunto. Nel circolo lodigiano e nella coalizione sembra prendere sempre più corpo la volontà di scegliere il candidato attraverso consultazioni aperte a tutti. Questa, però, resta solo un’ipotesi. La base del Pd sarebbe intenzionata a puntare sul segretario provinciale dei dem, Fabrizio Santantonio, 50 anni, ma il nome non avrebbe convinto gli alleati di Lodi Comune Solidale. L’altra forza in campo, il Movimento Cinque Stelle, sta continuando a lavorare da quasi un mese col candidato sindaco Massimo Casiraghi, 32 anni, fotografo freelance, proprio l’esponente che si è costituito parte civile al processo contro Uggetti.
scontenta 15 febbraio 2017 16:36
se invece di ripescare nel passato si puntasse sul nuovo?
abbiamo bisogno di innovazione , di crescita
Stib 15 febbraio 2017 14:28
Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur (Sallustio, "Bellum Iugurthinum").
xenon 15 febbraio 2017 11:46
Spesso, chi sente puzza di non vittoria, se la squaglia. Sappiamo chi abbiamo lasciato, ma non sappiamo chi troveremo. A volte i proverbi ci beccano proprio.
acces 15 febbraio 2017 10:56
Bella domanda....almeno c'è un sussulto di dignità!
Cioè nel 2017 devono essere accordi regionali a decidere chi candidare?
everlast 15 febbraio 2017 10:09
Forza Italia!!?? Ma ancora esiste!!???