NEWS
domenica 25 settembre 2016 ore 19:19
S. Sergio di Radonez
IL GIORNALE IN EDICOLA
LODI
Il personaggio
Del Debbio in prima fila per i disabili
15 febbraio 2016

Vulcanico come sempre: il giornalista Paolo Del Debbio sabato mattina si è guadagnato gli applausi del pubblico radunato alla scuola d’arte Bergognone per il convegno organizzato da Alleanza Lodigiana- Destra Laudense e dal movimento L’Italia prima agli italiani.

Anche se il tema del convegno era la disabilità, Del Debbio ha preferito iniziare con un preambolo sulla propria attività giornalistica e di conduttore su Rete4, chiarendo innanzitutto il senso di un lavoro che spesso è giudicato alla stregua di populistico: “Se il populismo è ascoltare tutte le affermazioni della piazza di Quinta Colonna, allora tutti sanno che non sono populista, perché quando si esagera, quando si dicono falsità sono il primo a chiudere il collegamento. Se invece essere populista significa essere dalla parte della gente e ascoltare i suoi problemi, allora sono populista e me ne vanto. A Lodi il vulcanico Del Debbio

Dopodiché Del Debbio è entrato nel vivo della discussione, chiarendo l’importanza dei diritti che la costituzione italiana garantisce a tutti: “Non stiamo parlando di comunismo: quella cosa lì ha fallito, perché nessuno può essere uguale agli altri. Stiamo parlando di uno stato che deve garantire condizioni di vita umane ai cittadini” ha spiegato. Tra questi cittadini, secondo il giornalista, ci sono quelli che ce la fanno da soli, che hanno un lavoro e le risorse per far fronte ai problemi; ci sono poi quelli che non ce la fanno per un periodo limitato, come chi perde il lavoro; ci sono infine quelli che non ce la fanno per tutta la vita, come i disabili. “E’ a questi ultimi che lo Stato deve pensare prima di tutto. Per questo non tollero che mi si dica che non ci sono i soldi per aiutare chi si trova in uno stato di disabilità: aiutarli è la prima necessità per uno Stato civile” ha detto il conduttore di Quinta Colonna e Dalla Vostra Parte, presente insieme a Vittorio Sala di Alleanza Lodigiana, Maria Grazia Bazzardi, Thomas Pascucci e Ferruccio Pallavera, direttore de Il Cittadino, invitato a moderare l’incontro.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
11 commenti.
<< < 1 2 > >>
scontenta 16 febbraio 2016 15:54
la tv è populista perché è quella che alla gente piace
da quando la tv considera solo gli ascolti è scesa molto come qualità, ovviamente ci sono ottimi programmi, meno populisti e meno qualunquisti,
abbiamo potere sul nostro telecomando
Fender 16 febbraio 2016 08:17
xenon. Prima di straparlare di campagne elettorali, lei e' a conoscenza dello stato in cui versa la NON assistenza alle disabilita' negli ultimi 4 anni? Se non lo sa eviti certi commenti. Se lo sa vuole negare l'evidenza spostando l'attenzione sul nulla!
xenon 15 febbraio 2016 19:34
E' iniziata la campagna elettorale pro Silvio. Quando c'era lui e gli amici col foulard verde al governo, questi problemi non esistevano. Pinocchio avrebbe fatto più bella figura.
Fender 15 febbraio 2016 15:36
Manx1979. Io vivo ogni giorno i problemi trattati in questo incontro. Non li leggo sui giornali e non li vedo rappresentati in tv. So bene come e' la situazione ed ho "il polso" di cosa non sta facendo in merito questo paese, in particolare dal 2011 in avanti. Quindi, mi consenta, me ne frego se il sig. del debbio sia o meno un populista. Preferisco di gran lunga un "populista a termine", rispetto ai "farabutti per sempre" di cui gli ultimi NON governi sono infarciti all'inverosimile. E i disabili lo hanno appreso a proprie spese. Ma vedo che c'e' chi legge queste cose e schifosamente ci scherza sopra....
Manx1979 15 febbraio 2016 14:43
Giusto caro Fender, il suo ragionamento non fa una grinza. Il problema è che la cosiddetta tv populista smetterà i propri panni, una volta che al potere ci sarà gente diversa da quella attuale. E allora la parte opposta diverrà populista e l'ex populista di governo.
E' sempre stato così, non m'illudo, però queste zaffate di rancida ipocrisia mi schifano ogni giorno di più.
cloro62 15 febbraio 2016 11:24
è un pò ingrassato...
Fender 15 febbraio 2016 11:20
Sara' TV "di parte" ma ricordo quando appena insediato da NON eletto, Mr renzi promise a quelli delle Jene di "attivarsi immediatamente con il ministro lorenzin per l'aggiornamento del nomenclatore per gli ausili". Naturalmente non se ne fece nulla e nel frattempo molte donne muoiono di parto, la sanita' pubblica e' sempre piu' tagliata ed i disabili sono sempre piu' lasciati a se stessi..... Ben venga questa TV di parte e populista.... sono gli unici che dicono le cose come stanno!
anonimusV 15 febbraio 2016 11:14
Del Debbio populista!NO NO e' tutt'altra cosa legata a MR. Berlusconi.
Manx1979 15 febbraio 2016 11:04
p.s.: ovviamente nulla contro il tema e l'oggetto dell'incontro, ci mancherebbe altro.
Manx1979 15 febbraio 2016 10:36
Orticaria a vista. Trasmissione finemente politica fatta ad hoc per garantire e coccolare una certa fetta di elettorato. E sappiamo quale. Eh già, quando c'erano loro filava proprio tutto liscio.
Mmmh, che spurìn....